Formazione e supervisione alle professioni educative

 

Le trasformazioni familiari e sociali degli ultimi decenni hanno prodotto profondi cambiamenti nel modo di essere e di relazionarsi di bambini, adolescenti e adulti.

Questa situazione in continuo mutamento si riverbera sulla scuola e sulle agenzie socio-educative extrascolastiche, che sempre più si trovano ad affrontare, accanto a problematiche educative e didattiche, spinose questioni relazionali e socio-affettive legate all'età evolutiva. 

Le proposte formative, rivolte a scuole di ogni ordine e grado e ad agenzie socio-educative extrascolastiche, hanno lo scopo di informare e sostenere insegnanti ed educatori nell'affrontare gli aspetti affettivi connessi alla socializzazione tra pari e all'apprendimento. 

La metodologia utilizzata si basa sul concetto di apprendimento collaborativo, in cui la competenza del singolo e il patrimonio di conoscenze comuni si costruiscono e si arricchiscono nell'interazione reciproca. I momenti di esposizione teorica su questioni di attualità nello scenario educativo verranno offerti come spunto per l'interazione e la riflessione dei corsisti e si alterneranno - a seconda della tipologia e della numerosità dei gruppi - con incontri destinati ad analisi di casi, gruppi di discussione, gruppi acquario, supervisioni a gruppi professionali (consigli di classe, educatori di comunità, ecc.) 

Formazione per le scuole 2018-19

 

 

Supervisioni agli operatori sanitari e delle relazioni di aiuto

 

Chi opera nel campo sanitario e della relazione d'aiuto è esposto a situazioni a forte impatto emotivo che possono indurlo ad adottare meccanismi di difesa inconsapevoli, che finiscono per ostacolare la riflessione, la creatività e il miglior uso delle proprie risorse individuali. 

 

Le supervisioni, di gruppo o individuali, sono un'esperienza che apre spazi di pensiero, consente di ricostruire e dare significato - all'interno di un setting dedicato e protetto - alle esperienze che si vivono nel contatto con i pazienti-utenti e con le loro problematiche, di "liberare" parte delle energie psichiche impegnate a scopo difensivo per utilizzarle in modo produttivo nella relazione con gli utenti. 

Un prolungato e approfondito percorso di supervisione può essere d'aiuto non solo per migliorare la vita lavorativa, ma anche nella ridefinizione della propria identità individuale